INVASIONI DIGITALI 2014 - Altro

Altro - da domenica 04 Maggio 2014 a domenica 04 Maggio 2014  - ex fornace Laterizi Aletti Trebisacce

 

Il grande fermento e l'attenzione riscontrati nella cittadina calabrese rispetto alle tematiche dell'innovazione nel campo delle tecnologie e della creazione e fruizione dei fatti culturali, hanno sostenuto il desiderio di Startup Calabria e dell'Associazione Culturale Rizoma di organizzare per il prossimo 4 maggio 2014 la prima invasione digitale a Trebisacce.  

Per l'occasione sono stati selezionati tre luoghi che, nonostante il loro mancato “utilizzo”, rappresentano dei simboli identitari della cittadina dal punto di vista culturale: l'invasione digitale a cui saranno soggetti svelerà anche il loro potenziale attrattivo e come sia indissolubile il legame fra nuove pratiche di comunicazione, mezzo tecnologico e interesse culturale. Nello specifico i luoghi scelti sono:

Parco archelogico di Broglio.
Il sito archeologico di Broglio di Trebisacce è un villaggio protostorico abitato per circa 1000 anni dal popolo degli Enotri, secondo le fonti antiche, il più antico d'Italia. Con l'arrivo dei Greci e la fondazione di Sibari (720-710 a.C.) il sito di Broglio di Trebisacce termina la sua frequentazione. Gli Enotri di Broglio hanno avuto intensi contatti commerciali e dunque anche culturali con i Micenei, come testimoniano i ritrovamenti archeologici rinvenuti durante gli scavi. Le ricerche a Broglio di Trebisacce sono iniziate nel 1978 e da allora continuano senza interruzione e sempre con lo stesso entusiasmo da parte dell'Università degli Studi di Roma la Sapienza.

Obiettivo dell'invasione digitale: vogliamo invadere Broglio perché crediamo che non si finisce mai di conoscerlo e di farlo conoscere.

Bastione (centro storico)
L'antico borgo è circondato da una cinta muraria costruita intorno al 1500 per difendersi dalla incursioni dei Saraceni. Queste mura circondavano l'abitato ed erano fornite di porte di accesso che secondo la tradizione erano quattro: Annunziata, San Martino, San Leonardo e Sant'Antonio. L'altezza media di esse è di metri 25-30, con un spessore che va dai 70 ai 90 cm. In seguito, i cittadini presero a chiamarlo Bastione e insieme con il campanile della Chiesa San Nicola di Mira divenne un luogo simbolo di Trebisacce.

Obiettivo dell'invasione digitale: fare apprezzare il suggestivo panorama che si offre allo sguardo passeggiando su questo splendido terrazzo.

Ex Fornace Laterizi Aletti.
La fornace di laterizi di Trebisacce venne realizzata tra il 1905 e il 1907 per volontà di un ingegnere varesino Adone Aletti e un imprenditore di Cosenza Luigi Palermo. Dal punto di vista tecnologico, costituisce una delle prime testimonianze in regione dell'utilizzo del cosiddetto "Forno Hoffmann". Il sistema produttivo così realizzato consentiva di ottimizzare i tempi di cottura dell'argilla, utilizzando minori quantità di combustibile e manodopera e realizzando prodotti sempre più concorrenziali. Nei primi decenni di attività la fornace Aletti dava impiego a circa 150 persone. La sua storia produttiva termina nel 1987. Da allora, oltre al recupero strutturale che l'ha destinato in anni recenti ad usi non industriali, della fornace non resta che un valore simbolico, storico e architettonico non utilizzato.

Obiettivo dell'invasione digitale: sensibilizzare i cittadini e le Istituzioni verso un impegno all'attualizzazione delle nuove e possibili destinazioni d'uso: Museo Archeologico di Broglio, Centro di Documentazione Territoriale per l'arte contemporanea, fablab, punto d'incontro per giovani realtà creative e dedite alla ricerca e sviluppo di nuovi modelli di business.

Prenderanno parte all'evento:

  • Viaggiart una piattaforma web che si propone di sviluppare e diffondere un nuovo modello di fruizione dei luoghi della cultura, vincitrice di Next "La Repubblica delle idee" 2014 come miglior Startup nel turismo. 
  • devoloop che presentarà il virtual instrument DynaRage e allieterà la giornata con esperimenti di sound design real time grazie all'alimentazione di un pannello solare messo a disposizione di Wattmania
  • Graphi3dea filmerà le bellezze del territorio con dei droni radiocomandati e illustrerà le potenzialità di essi nel campo turistico e culturale
  • Arcuri Automobili metterà a disposizione dei partecipanti delle automobili per facilitare gli spostamenti della prima invasione digitale a Trebisacce
  • Hide prima presa elettrica a scomparsa al mondo ideata da un calabrese, metterà a disposizione di chi twitta di più con l'hashtag #InvadiTrebisacce una presa con la cover personalizzata
  • Semiografica per rendere unica la fruizione dei luoghi scelti ha stampato i Qr Code, su diversi supporti, per avere informazioni relative ai beni culturali visitati.

Come funziona?

Fatti un selfie con uno sfondo che dia volto al tuo territorio!

Hashtag: #Invasionidigitali  #InvadiTrebisacce

Strumenti da avere: Macchine fotografiche, videocamere, smartphone e tablet con connessione a internet

Social Media: avere un account di Facebook, Twitter, Flickr, Instagram, Vine, YouTube in modo da consentire la diffusione massima dei luoghi fotografati

Mappa interattiva: creata con Open Street Map da Cesare Fiamingo ha lo scopo di individuare con precisione i luoghi da invadere http://www.startupcalabria.com/invaditrebisacce/

 

 

 


Guide Turistiche

Non ci sono ancora guide in questa zona.

Se sei una guida o se sei interessato al servizio inviaci una email .

Ti risponderemo al più presto.

Servizi

Offri un servizio turistico interessante?

Contattaci ora e diventa un membro del nostro network.